disclaimer

Il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Il gioco può causare dipendenza.

logo-aams

Il derby che vale l'Europa

|

Fino a poche settimane fa c'era un'Inter lanciata che sognava addirittura la Champions e un Milan in estrema difficoltà che rischiava addirittura di rimanere fuori dalle coppe. Sono bastate un paio di partite (o poco più) per ribaltare le gerarchie e rimettere tutto in discussione.

Crisi Inter

In realtà, più che i meriti rossoneri vanno rimarcati i demeriti nerazzurri, che sono incappati in due sconfitte consecutive contro avversari decisamente alla portata che hanno complicato tutto e alzato la tensione. A finire sul banco degli imputati sono stati i giocatori, accusati di lassismo e scarso attaccamento alla maglia. Una presa di posizione dura quella della dirigenza, che ha stizzito i giocatori, chiamati però a reagire alle ultime due prestazioni davvero deficitarie. Perché è vero che il Milan ha recuperato quattro punti ai cugini nelle ultime due giornate, ma è altrettanto vero che questi quattro punti sono stati il frutto del deludente pareggio di Pescara e della “scontata” vittoria di San Siro contro il Palermo.

Riscatto Milan

La squadra di Montella, insomma, è chiamata a superare il più classico degli esami di maturità: sarà proprio il derby ad emettere il suo verdetto per chi si qualificherà per l'Europa League del prossimo anno (o per lo meno per i preliminari). Perché, checché se ne dica, quella di sabato all'ora di pranzo sarà sfida decisiva: lo dice la classifica (il Milan è a cinquantasette punti, due in più dei nerazzurri) ma anche il calendario (vincendo i rossoneri si ritroverebbero a cinque lunghezze di vantaggio con sei partite da giocare). Vincere è un obbligo per entrambe le squadre, anche perché davanti non aspettano: l'Atalanta precede le due milanesi con cinquantanove punti, uno in meno della Lazio quarta in classifica. Non mancherà la “fame”, anche perché l'orario inedito (si gioca alle 12.30) si presta particolarmente alla metafora.

Inter favorita

Nonostante la classifica e l'inerzia delle ultime partite, sono sei i punti recuperati dai rossoneri ai nerazzurri nelle ultime tre partite, secondo i bookmakers la squadra di casa resta davanti: 2.1 la quota di Betfair per l'1 mentre sia l'X che il 2 sono dati a 3.4. Ci si aspetta, però, una gara comunque molto spettacolare, visto che Bet365 dà l'Over 2.5 solo a 1.6, mentre l'Under 2.5 è fissato a 2.3. Handanovic e Donnarumma, dunque, farebbero bene a stare all'erta, come testimonia la quota dell'opzione Gol (solo 1.44 su Paddy Power) contro il No Gol (addirittura a 2.6). Dovesse ripetersi il risultato dell'andata (2-2), un coraggioso scommettitore si porterebbe a casa 11 volte la posta (su Bet365).

Bomber contro

Inevitabile attendersi gol spettacolo vista la qualità dei reparti offensivi in campo, ma anche le recenti amnesie difensive di entrambi i pacchetti arretrati. Male ha fatto la retroguardia nerazzurra sia contro la Sampdoria sia contro il Crotone, ma come dimenticarsi del pasticciaccio Paletta-Donnarumma di Pescara? Tra Icardi-Bacca, Suso-Perisic, Delofeu-Candreva, c'è solo l'imbarazzo della scelta per eleggere la più bella sfida nella sfida. Nonostante il digiuno (l'argentino non va a segno da tre partite), una rete di Icardi nei 90' è considerata altamente probabile ( 1.95 su William Hill), seguito da Bacca e Perisic (entrambi a 2.4 sempre su William Hill).

Curiosità in casa rossonera: un gol di Lapadula (2.87) vale meno di uno di Delofeu o Suso (entrambi a quota 3). Gabriel Barbosa, in arte Gabigol, è terzo in classifica (a pari merito con Eder) tra i probabili marcatori nerazzurri (2.6).

BOOKMAKER, QUALE SCEGLIERE?