pronostici scommesse calcio

Tour de France 2017 - I nostri pronostici scommesse Tour de France 2017

Per consultare i nostri pronostici devi essere membro. Registrati gratis in pochi istanti o collegati per consultare tutti i pronostici dei nostri esperti!

Tour de France 2017: pronti? Via!

Come ogni anno, il Tour de France ci farà scoprire gli angoli più belli e remoti di Francia: dalle belle catene montuose alle grandi pianure, il Tour promette ancora una volta di farci vivere dei bellissimi momenti sportivi insieme alla scoperta di paesaggi naturali mozzafiato.

La 104ª edizione del Tour de France si terrà dall’1 luglio fino al 23 luglio 2017, questa volta con una piccola sorpresa: i partecipanti si lanceranno in questa corsa fatta di 21 tappe per un totale di 3540 km partendo dalla Germania, più precisamente dalla città di Düsseldorf.

La Grande Boucle raggrupperà anche questa volta numerosi corridori dalle qualità e dagli obiettivi ben distinti. Queste tre settimane di corsa riserveranno alcuni interrogativi che riguardano la strategia delle squadre e la qualità della forma fisica dei ciclisti.

Presentazione generale

tour de france

La 104ª edizione del Tour de France rischia subito di essere dantesca e vi spiegheremo subito il perché! Innanzitutto, per la quarta volta dalla creazione del Tour de France, i corridori si lanceranno da un paese vicino, la Germania. Düsseldorf ospiterà dunque la prima prova del Tour con una tappa della morte di 14 km in seguito alla quale sarà già decretata la prima maglia gialla della corsa.

Il Tour de France è sì la scoperta di piccoli angoli di paradiso dell’Hexagone, ripartiti in 34 dipartimenti scelti per il percorso della corsa, ma significa anche una nuova apertura internazionale. Saranno tre i paesi limitrofi che saranno attraversati: la Germania, il Belgio e il Lussemburgo. Inoltre, c’è un’altra novità da mettere in evidenza: per la prima volta dal 1992, gli organizzatori del Tour de France hanno deciso che i cinque principali massicci montuosi faranno parte del percorso della corsa. I corridori dovranno dunque affrontare le salite dei Vosgi, dello Jura, dei Pirenei, del Massiccio centrale e delle Alpi.

I ciclisti percorreranno 3540 km divisi equamente in 21 tappe che comprenderanno 9 tappe in pianura, 5 accidentate, 5 tappe di montagna con 3 arrivi in quota, 2 tappe contro il tempo in individuale e 2 giornate di riposo. Un programma intenso che si spalma su tre settimane: tutto ci lascia presagire quanto saranno tirati i polpacci dei protagonisti del Tour! Inoltre, gli abbuoni, che hanno fatto il loro ritorno nel 2015 dopo sette anni di assenza, saranno mantenuti anche in questa edizione. Essi saranno di 10, 6 e 4 secondi e saranno attribuiti agli arrivi delle tappe ai tre primi corridori. Le tappe individuali e di squadre contro il tempo non potranno beneficiare del sistema degli abbuoni.

Infine, per quanto riguarda la classifica e i punti, sarà ancora una volta un grande classico: la tradizionale maglia gialla distingue il leader della classifica generale del tempo. Viene in seguito la maglia verde che è indossata dal leader della classifica a punti. Tali punti saranno messi in palio/gioco in occasione di uno sprint intermedio unico nelle tappe e allo stesso modo all’arrivo di ogni tappa. In conclusione, il leader della classifica del miglior scalatore potrà indossare la famosa maglia bianca a pois rossi. I punti saranno distribuiti in seguito al passaggio della cima di ogni colle e ai tre arrivi in alta quota.

Il percorso del Tour de France

tracciato-tour

Questo Tour de France 2017 si annuncia spettacolare e riserva come al solito grandi sorprese. Non accadeva dal 1987 e nonostante questo gli organizzatori del Tour hanno deciso così: la Grande Boucle comincerà con una corsa individuale contro il tempo di 14km sulle rive del Reno. In seguito, un percorso di 203,5 km attenderà i ciclisti che si lanceranno da Düsseldorf per terminare la loro giornata a Liegi, prima di ripartire il giorno seguente per il Lussemburgo.

Per la prima volta dopo 25 anni, il Tour de France farà visita a tutti i massicci francesi e sarà principalmente orientato sulla parte Est della Francia. Il tracciato promette delle belle scalate di alcune cime che rischiano di lasciare indolenziti anche i migliori scalatori. I corridori cominceranno con i Vosgi e passeranno poi per la mitica Planche des Belles-Filles che riserva pendenze da 8,5% a 20%. Va da sé che questa cima sarà dure già da questa 5 tappa della Grande Boucle. I ciclisti si attarderanno ugualmente nello Jura e percorreranno Les Rousses in Franca Contea.

Dopo una sosta a Chambéry, i corridori continueranno a esplorare l’Hexagone proseguendo il loro percorso verso il Sud-Ovest con una tappa nel dipartimento della Dordogna, passando per le belle città di Périgueux, Bergerac ed Eymet.

I Pirenei non sono certamente esclusi, con una delle tappe più aspre e difficili dell’intero percorso prevista la vigilia della festa nazionale di Francia: collegherà Pau all’altiporto di Peyragudes con non meno di 214,5 km e delle pendenze del 20% da percorrere. Il gruppo avrà dunque la possibilità di scoprire il luogo delle riprese di James Bond Il domani non muore mai. E scusateci se è poco! Il Tour passerà poi per il Massiccio centrale, uno dei massicci francesi più percorsi da quando è stata creata la Grande Boucle. Le Puy-En-Velay e Roman sur Isère saranno attraversate e i ciclisti raggiungeranno solo in seguito le Alpi con gli arrivi a Serre-Chevalier et al colle d’Izoard.

La Grande Boucle si concluderà con una corsa contro il tempo individuale a Marsiglia che avrà il suo arrivo tra le mura del club di casa, al Vélodorme, la vigilia dell’arrivo a Parigi il 23 luglio. Numerose tappe del Tour de France faranno eco alla candidatura della Francia ai Giochi Olimpici del 2024, specialmente la tappa a Marsiglia che fa parte integrante del progetto olimpico. Il gruppo passerà ugualmente dalla navata del Grand Palais, indotto ad accogliere delle prove nel 2024.

I favoriti del Tour de France

Christopher Froome

froome

Il detentore del titolo con un crono a 89h 04m 48s e vincitore del tour nel 2013 e nel 2015 rischia di essere atteso al varco da molti diretti concorrenti. Se l’inglese del team Sky è senza alcun dubbio uno dei migliori scalatori del circuito, le sue prestazioni saranno seguite con la lente d’ingrandimento visto che la sua stagione 2017 è stata seminata di ostacoli. Froome, nonostante abbia conosciuto la sua prima Top 10 della stagione durante il Dauphiné, è lontano dai suoi standard abituali del 2015 e del 2016, anni in cui ha annoverato rispettivamente 12 e 13 vittorie. Tuttavia, Christopher Froome resta un corridore formidabile e rimane il principale pretendente al titolo grazie alle sue qualità e alla sua squadra che lo metterà certamente nelle condizioni ottimali per vincere questa Grande Boucle. Una vittoria di Froome nel Tour è a 2.75 su Snai.

Richie Porte

porte

Il vecchio compagno di squadra di Christopher Froome e attuale corridore della squadra BMC parte tra i favoriti di questa competizione. L’Australiano, scalatore e specialista del cronometro, ha molte frecce al suo arco e fa parte dei corridori più completi di questa edizione del Tour. Richie Porte si presenta all’appuntamento in gran forma e ha già ottenuto 6 vittorie in questa stagione, di cui un Tour Down Under completato in 19h 55m e 49s. Con la sua bella performance al Critérium du Dauphiné, corsa durante la quale ha indossato la maglia gialla a 4 riprese e conquistato il secondo posto nella classifica generale, Porte si piazza come uno dei favoriti di questo Tour de France 2017. Anche Christopher Froome l’ha confermato recentemente…sarà un modo per scacciare di dosso la pressione? La quota dell’australiano in caso di vittoria è proposta a 3.00 da Eurobet.

Nairo Quintana

quintana

Con sei vittorie all’attivo in questa stagione, Nairo Quintana affronterà il Tour de France in veste di favorito. Per molto tempo dietro le ruote di Christopher Froome nelle edizioni precedenti, Quintana ha fatto della Grande Boucle una delle priorità della sua stagione. Il colombiano dell’équipe Movistar, che ha terminato il Giro d’Italia al secondo posto, ha deciso di non correre più per riposarsi e ricaricare le energie fino al Tour de France. Quasi un mese di preparazione a Monaco per il leader dell’équipe Movistar che senz’alcun dubbio condurrà una lotta spietata per per ottenere la vittoria finale, quotata a 7.50 da Bet365.

Gli outsiders del Tour de France

aru

Sono numerosi i corridori che aspirano alla vittoria finale il 23 luglio a Parigi: prima di tutti pensiamo a Jakpb Fuglsang (25.00). Sebbene il danese abbia approfittato di un errore di strategia da parte del Team BMC e del suo leader Richie Porte per prendere il comando del Dauphiné, bisogna anche riconoscere i meriti al corridore di Astana che ha impressionato durante quella corsa con un crono di 29h 05m 54s. Con la sua fitta stagione (ha già fatto 3 top 10), fatta della bella vittoria al Critérium du Dauphiné, e vista la sua esperienza, non c’è dubbio sul fatto che il co-leader della formazione di Astana insieme a Faboi Aru avrà una bella chance da giocarsi per poter impressionare ancora con la sua straordinaria forma fisica.

Fabio Aru ((17.00), parliamone. L’italiano, che si è infortunato nel mese di aprile giusto prima di poter correre il Giro 2017, nel quale sarebbe stato nettamente il favorito, sta ritornando lentamente al suo livello migliore. Il vincitore del Giro di Spagna 2015 ha firmato una bella prestazione al Dauphiné, conquistando un buon 5° posto, e potrà approfittare del buon momento di forma del suo compagno per confermare le buone sensazioni avute finora. A luglio non sarà tanto lontano dal suo picco di forma migliore e ciò lascia aperto lo spiraglio di un possibile exploit del 26enne che deve ancora confermare la fiducia riposta in lui nel 2015, stagione che è stata per lui la migliore con tre vittorie in bacheca.

Dietro, Alejandro Valvederde (25.00) lascerà le redini del teal Movistar a Nairo Quintana. Nonostante le sue qualità di scalatore, lo spagnolo non poteva ricoprire questo posto da solo. Questo ritorno sembra salvifico per Valverde che ha terminato con un modesto 9° posto il Dauphiné , gara in cui non è stato molto supportato dai compagni. Durante questa stagione, lo spagnolo ha ottenuto ben 12 vittorie, migliorando il suo record della stagione 2015 quando aveva conseguito 10 vittorie. Bisognerà prestare molta attenzione a Valverde, corridore discreto che potrebbe riservare delle sorprese grazie alle sue qualità di scalatore e scattista.

Infine, ricordiamo le performances di Alberto Contador (15.00), vincitore della Grande Boucle nel 2007 e nel 2009. La vecchia volpe di 34 anni che si è messo da parte per diverse stagioni farà sicuramente parlare del suo lato da stratega…che potrebbe portarlo verso un podio?

bardet

Dalla parte francese, Romain Bardet (23.00 è molto certamente uno dei soli corridori d’oltralpe capace di raggiungere la top 5. Sempre molto regolare nelle sue prestazioni, il corridore di AG2R non ha ancora ottenuto nessuna vittoria in questa stagione e mostra alcune lacune nella corsa a cronometro. Tuttavia, il francese di 26 anni possiede le qualità giuste in salita e potrebbe avere ancora da dire la sua. Dietro, Thibaut Pinot (126.00!!!), sarà come al solito una mina vagante e potrebbe essere tranquillamente essere protagonista di una vittoria di tappa. In fondo ha realizzato un buon Giro d’Italia quest’anno terminando al 4° posto: tutto questo ci permette di ricordarvi di tenere gli occhi aperti su di lui. Infine, Pierre Rolland (15.00), che aveva fatto un’ottima impressione nel Tour de France 2011, resta un corridore offensivo capace di stare al passo dei migliori scalatori. Bisognerà dunque seguire il ciclista della scudera americana Cannondale-Drapac con molta attenzione.

Impossibile stabilire con certezza chi sarà il vincitore del Tour de France dell’edizione 2017 poiché lo scarto di livello tende a ridursi sempre di più ed è diventato di fatto piuttosto omogeneo tra diversi corridori. Anche se Froome e Porte possono sembrare i favoriti, bisogna tuttavia considerare lo stato di forma del momento dei diversi atleti e allo stesso non sottovalutare il tracciato che offre molte meno salite rispetto all’edizione precedente (5 contro le 9 dell’anno scorso).

I numeri da ricordare

  • 3: il numero di arrivi in alta quota alla Planche des Belles-Filles, a Peyragudes e al celebre colle d’Izoard.
  • 1992: l’ultima data in cui è stato reso omaggio ai cinque principali massicci montuosi (Jura, Vosges, Alpi, Pirenei, Massiccio centrale).
  • 34: è il numero dei dipartimenti che verranno attraversati dalla Grande Boucle in questa edizione 2017.
  • 183,2: il numero dei km medi delle tappe del Tour de France. Bisogna sottolineare che sono 2 km di meno in media rispetto all’anno scorso.
  • 222: i km della tappa più lunga della Grande Boucle, più esattamente la 19ª che collega Embrun a Salon-de-Provence.
  • 3540: i km che segnano la distanza totale del 104° Tour de France.



Condividi Facebook Twitter e-mail

Articolo "Tour de France 2017" aggiornato il 23/07/2017

Bookmaker



Le Scommesse calcio
Le Migliori quote
Risultati in tempo reale

Bonus Scommesse



bonus betfair
bonus bwin
bonus betclic
bonus unibet
bonus netbet
bonus eurobet

 

Su SportyTrader, il 1º sito di aiuto per i pronostici e le scommesse sportive



SportyTrader.it è il sito di riferimento per i pronostici e le scommesse online. Sono proposti più di 150 000 pronostici gratis su Calcio, Tennis, e Rugby, di cui 50 000 sul calcio!

Con la comparativa più completa dei siti di scommesse online, SportyTrader ti permette di scommettere in piena sicurezza, facendoti approfittare al contempo dei migliori bonus e promozioni disponibili su Internet.







 

Chi siamo - Contattare SportyTrader - Raccomandare SportyTrader - Stampa - Lavoro

Copyright © 2017 SportyTrader.it - Tutti i diritti riservati

Condizioni generali d'uso - Dipendenza da gioco - Mappa del sito

Il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Il gioco può causare dipendenza. aams
Lingua